Attrezzare uno scafo senza doppiofondo (Nautivela)

2
739

Scarica il documento in PDF

________________________________________________________________________________________________

Uno degli scafi più diffusi Uno degli scafi che ancor oggi sono “sulla cresta dell’onda” Utilizzato sia per la regata, sia come barca scuola, questo tipo di scafo permette a molti appassionati interventi di ammodernamento FJ

Molti scafi di questo tipo hanno ricevuto attenzioni dai loro armatori, e alcuni scafi, attrezzati con particolare perizia, godono oggi di ottima salute e permettono un soddisfacente utilizzo sia per la scuola che per la regata.

A completare il quadro delle possibilità di adeguamento e ammodernamento di FJ in vetroresina, pubblichiamo alcuni schemi di soluzioni che, crediamo, potranno essere certamente utili ai possessori di scafi Nautivela.
Come già per gli FJ a doppiofondo, anche per questi schemi, si tratta di semplici schizzi che, comunque, spero siano di immediata comprensione per tutti.

Come si vede, nello Schema n.1, oltre a riportare le indicazioni (in pianta) delle attrezzature occorrenti e delle loro rispettive posizioni, giusto per evitare perdite di tempo a sfogliare cataloghi, abbiamo riportato anche l’elenco delle attrezzature stesse, della loro funzione e, a lato, una breve tabella con i codici di riferimento di tre delle maggiori case produttrici (Harken, RWO e Viadana) e sulla loro funzione.

[Ingrandisci lo Schema 1]

Evidentemente, le attrezzature meno costose sono quelle della Viadana che, da quanto abbiamo potuto sperimentare sul primissimo prototipo Priamid, vanno piuttosto bene (non dobbiamo dimenticare che, in fondo, si tratta di un FJ e che, salvo che per la ghinda, non ci sono poi carichi così estremi)
Tutte ad esclusione del bozzello doppio ad incasso che, purtroppo, è troppo grande rispetto allo spazio presente sul coperchio della cassa di deriva.

[Ingrandisci lo Schema 2]

[Ingrandisci lo Schema 3]

Negli Schemi n. 2 e n. 3, abbiamo riportato i profili longitudinali dei due lati (destro e sinistro) della cassa di deriva e, anche in questo caso, il tipo e la posizione delle attrezzature.

Vediamo alcuni particolari

Clicca sulle immagini per ingrandire

 

Noi speriamo che sia tutto perfettamente chiaro ma, nel caso non lo fosse, chiedeci pure via e-mail tutti i chiarimenti del caso.

Buon lavoro

2 Commenti

  1. vi ringrazio delle spiegazioni e foto esaudenti; mettero’ in atto tutto quello che mi occorre. BUON VENTO A TUTTI E BUONE ALLE PROSSIME. Ex (regatante su Grand Soleil 34, ed un Farr negli anni 80, a livello quasi professionale: con regate invernali Cala Galera, per quasi 10 anni, settimana delle bocche, campionari IV classe: Marciana Marina, Alassio, Palermo, ecc. la barca si chiamava MARIA) ed ora solamente un “crocierista “, sulla spiaggia di Torvajanica rm, con i miei figli, passandogli la passione……, su uno STAR FLY.

    • Caro sconosciuto Roberto,
      amico mio, non immagini che finestra che hai aperto nel mio cuore da marinaio!!!!!
      Correva l’anno 1990 quando dopo una lunga trattativa con Roberto De Felice riuscii a diventare il nuovo armatore del mitico “MARIA” !!!!!
      Col Maria è stato amore a prima vista, con Lei ho percorso tantissime rotte nel Mediterraneo ed insieme abbiamo ospitato tanti equipaggi. E già, dopo aver vinto tantissime regate con l’equipaggio di cui tu probabilmente hai fatto parte, il Maria è diventata le barca della Scuola di vela Altura ed io ne sono stato lo skipper per tanti anni.
      come è piccolo il mondo!!!!!
      adesso devi venire a conoscere la flotta FJ del lago di Bracciano!!!!! ti aspetto!!!!
      Santi Marino
      (oggi Segretario di questa bellissima Classe)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.